Siti statici e siti dinamici: qual è la differenza?

A prima vista, i siti web possono sembrare molto simili fra di loro. In effetti, dal punto di vista del visitatore, i siti non sono altro che un insieme di pagine con varie utilità. La tecnologia che sta dietro a un sito web può essere tuttavia molto variegata. In questo post capiremo qual è la differenza fra siti statici e siti dinamici, e come la scelta possa influenzare la complessità di realizzazione.

Siti statici

I siti statici sono composti da pagine il cui contenuto non cambia nel tempo. Si tratta solitamente di vetrine di presentazione delle attività, in cui raramente c'è la necessità di aggiornare le informazioni mostrate ai visitatori. Pensiamo per esempio alle presentazioni di un monumento storico, oppure ad aziende che vogliono unicamente pubblicizzare i propri servizi. In questo caso, la tecnologia di realizzazione è piuttosto semplice: le pagine possono essere composte da codice HTML per il contenuto, e da fogli di stile CSS per definire l'aspetto grafico. Sono siti realizzabili in tempi brevi (solitamente non più di 2 settimane) e con costi ridotti. Per aggiornare le pagine, è necessario fornire i nuovi contenuti al web master che li ha realizzati, il quale provvederà a inserirli e a caricare i nuovi contenuti sul server (ad esempio tramite FTP).

Siti dinamici

I siti dinamici sono dedicati a tutte quelle realtà che hanno la necessità di aggiornare frequentemente il contenuto delle proprie pagine (almeno 1 volta a settimana). Pensiamo ad esempio a negozi che vendono i prodotti online su un e-commerce, oppure ad aziende che vogliono mostrare gli ultimi lavori effettuati ai visitatori. I siti dinamici richiedono l'utilizzo di una tecnologia più complessa rispetto a quelli statici. Per gestirli è infatti necessario implementare un sistema di gestione dei contenuti (CMS, content management system), attraverso il quale l'amministratore del sito può aggiornare le pagine in autonomia. Il pannello di amministrazione è protetto tramite login e consente al gestore di inserire, modificare, eliminare, nascondere e ordinare gli elementi mostrati. I siti dinamici richiedono un tempo di realizzazione di almeno 1 mese, e costi maggiori dovuti alla complessità. Offrono grande indipendenza ai proprietari delle attività, in quanto è possibile aggiornare le pagine senza l'intervento della web agency.

Soluzioni miste

Non tutte le pagine dei siti dinamici hanno la necessità di essere aggiornate frequentemente. Se consideriamo ad esempio un negozio di arredamento, la homepage o la pagina dei contatti difficilmente richiederanno cambiamenti. In questo caso, la soluzione migliore è quella mista, con alcune pagine statiche ed altre dinamiche. Queste soluzioni offrono ai proprietari la libertà di poter gestire autonomamente le sezioni che richiedono aggiornamenti frequenti, e lasciare la gestione alla web agency di quelle rimanenti. Si tratta probabilmente dei siti più comuni, dato che utilizzano la complessità solo dove è necessario, risultando pratici senza spese aggiuntive.

Conclusioni

Nel momento in cui si realizza un nuovo sito, è molto importante capire di quale tipologia di progetto si ha bisogno. In questo modo si possono evitare costi inutili, e al contempo disporre di un prodotto personalizzato sulle proprie esigenze. Lo scopo degli incontri preliminari è proprio quello di consentire alla web agency di capire quali sono le reali necessità del cliente, per guidarlo verso la scelta ottimale.


Questo sito utilizza cookie di terze parti per cui è necessario il tuo preventivo consenso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui: Dettagli

Accetto cookies